sabato 28 marzo 2009

A colui che gli dei vogliono distruggere , prima viene data in dono la pazzia (part.1)

Il presidente del Consiglio ha dato indicazione che nelle prime file della platea, come avviene di solito, non ci siano i dirigenti di partito ma giovani e donne. E' stato sempre lui a decidere che ad aprire il congresso sia Annagrazia Calabria, 26 anni, la più giovane deputata del Pdl di Montecitorio.
Tra i dettagli, è prevista anche la partecipazione dell'Orchestra di Demo Morselli, quella che ha accompagnato molte edizioni del Maurizio Costanzo Show su Canale 5. Toccherà a questi musicisti eseguire un motivetto di stacco tra un intervento e l'altro del dibattito congressuale.
Pronto anche il kit da consegnare a ogni singolo congressista in una valigetta: all'interno, un tesserino elettronico di riconoscimento, un block notes, una penna e il nuovo logo del Pdl. I delegati non riceveranno la matrioska a forma di Berlusconi di cui si era parlato nei giorni scorsi e che avrebbe dovuto contenere i leader del centrosinistra battuti dall'attuale presidente del Consiglio nel corso dei quindici anni della sua esperienza politica. Questa matrioska potrà essere scaricata solo dal sito internet del Pdl.
I delegati sono seimila, e a loro verrà consegnato un cartellino di colore azzurro. E' previsto che abbiano una mobilità limitata nella sala del congresso. La zona per i dirigenti e gli invitati è stata disegnata a parte rispetto a quella dei delegati. I giornalisti accreditati, che dovranno seguire i lavori congressuali attraverso un maxischermo in un apposito padiglione, sono 700. Per loro sarà complicato avvicinarsi ai delegati e ai big.
Si è pure deciso che in sala non ci siano i simboli di Forza Italia e An ma cinquemila bandiere con il simbolo del nuovo partito, pronte a sventolare ogni volta che il congresso vivrà un momento di particolare emozione.
Sarà Berlusconi a inaugurare il Congresso. Sabato interverranno Gianfranco Fini e Renato Schifani, presidenti di Camera e Senato, i vari ministri e i dirigenti più importanti del centrodestra. Uno spazio particolare è stato assegnato a Gianni Alemanno, sindaco di Roma, e a capigruppo del Pdl alla Camera e al Senato Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri.
I rappresentanti dei partiti di opposizione non sono stati invitati alle assisi. Il perché, lo spiega lo stesso Berlusconi: ''Il nostro è un congresso fondativo e quindi deve venire chi sta fondando il Pdl. E poi, per gli altri sarebbe un disturbo venire di sabato mattina''.Secondo indiscrezioni, la Direzione sarà formata da 120 personalità scelte direttamente da Berlusconi. Il premier avrà anche il potere di nominare i coordinatori regionali, l'ufficio di presidenza e di dare la propria opinione decisiva nella scelta dei candidati alle elezioni politiche, alle elezioni europee e a quelle per eleggere i governatori delle Regioni. Malgrado le richieste giunte da An per assicurare una collegialità democratica nella vita del Pdl - salvo sorprese - il nuovo partito è interamente disegnato intorno alla leadership carismatica di Berlusconi.

2 commenti:

marcella ha detto...

Come al solito, non posso che apprezzare quanto scrivi con il rammarico che le nostre logiche elucubrazioni ed i nostri risentiti ma oggettivi commenti, pur essendo nel giusto costituzionale, non serviamo quasi a nulla...
:-(

mondomik ha detto...

Mi associo al titolo del blog e rilancio: Resistere, resistere, resistere !