domenica 14 dicembre 2008

Li avete votati ? Adesso teneteveli!

Fannulloni anche da “vecchi”. L’ incubo del ministro Brunetta per gli sfaticati adesso prende di mira anche chi avrebbe diritto ad andare in pensione. In particolare le donne. Poco importa al Ministro se costoro fanno tre lavori – i figli, la casa, i genitori anziani – e andando in pensione qualche anno prima diventano l’unico sostituto di un sistema sociale che non esiste . Per Brunetta tutto questo non conta le donne , in particolare , vanno punite senza esitazioni.Brunetta dichiara di essere sbigottito : “dallo spaventosamente basso tasso di occupazione italiano” E allora cosa fa ? Invece di proporre soluzioni per i giovani ( che un lavoro lo rincorrono senza riuscire a trovarlo) propone di “recuperare alla vita lavorativa attiva la cosiddetta terza età” Quindi basta possibilità diu andare in pensione a 60 anni per le donne ma aumento di 5 anni dell’età pensionabile. Il tutto perché , a detta del Ministro, bisogna : “non sprecare questo enorme serbatoio che sono gli anziani, la terza età, perché al di là di tutto conviene economicamente”.Ecco la questione : “conviene economicamente” . Come dire chissenefrega se tu per tutta la vita hai badato ai figli , alla casa e a tutto quello che , normalmente , la società scarica sulla spalle delle donne . Oggi economicamente conviene farti lavorare di più è quindi: schiatta sul posto di lavoro. Qualcuno che di pensioni e di problemi al femminile ne capisce di più del Ministro ha obbiettato che “costringere le donne a lavorare fino a 65 anni significa punirle”. E significherà pure qualcosa il fatto che un altro Ministro dello stesso Governo abbia dichiarato “l'età reale di pensionamento delle donne è più alta di quella degli uomini i quali grazie all'anzianità raggiungono la pensione prima delle donne. Solo l'8% delle donne arriva all'anzianità. Quindi i 60 anni sono l'unica prima uscita per le donne».
La CGIL ricorda al Ministro Brunetta che la legge di parità tra uomini e donne del 1977 permette alle donne “se vogliono di lavorare fino a 65 anni”. “Mi pare – aggiunge il maggior Sindacato - che Brunetta arrivi 31 anni dopo”. “Il problema è un altro , ed è che le persone devono poter scegliere”.Dite la verità queste cose nel programma elettorale che vi ha spinto a votare per Berlusconi e la sua coalizione non solo non erano scritte ma sono state nemmeno sussurrate. Li avete votati ! Adesso teneteveli!

43 commenti:

Anonimo ha detto...

Ieri sera ho sentito il commento della Biagiotti (figlia ) che diceva che la madre (70 anni) è nel pieno della vita creativa, allora provi lei ad alzarsi alle 5 del mattino e andare in fabbrica !!

Anonimo ha detto...

E' ora che si tolga a questo signore la scorta che ha a spese nostre da 25 anni, e che vada seriamente a lavorare. Il primo fannullone è proprio questo basso signore. Basta scorte a spese di uno stato che non può permetterselo e lascia anche lo stipendio da deputato visto che sei anche ministro. Non siamo i soli a doverci sacrificare ... furbo personaggio.

Anonimo ha detto...

Brunetta è il solito vecchio "socialista" craxiano ancora inviperito per l'ingloriosa fine del suo mentore nonchè capo carismatico. Vendutosi armi e bagagli al miglior offerente (miliardario ridens), sta cercando i capri espiatori della crisi tra i più poveri e deboli tra i lavoratori: che squallore!

Anonimo ha detto...

caro il signor brunetta ormai ha perso la ragione ,barbone alzati tu alle 4 dimattino per 30 anni senza mai una malattia si fa per dire poi torna a casa fa da mangiare per 4 persone riassetta casa ,cerchi di pagare quella miriade di conti da pagare fa la spesa corri a casa prepari per il giorno dopo e poi se tutto va bene
forse si va a dormire a mezzanotte
sempre che i vecchi genitori stiano altrimenti ti fai una notte
al pronto soccorso BARBONE pensa a questo!!!!!!!! anzi perche non provi a vivere con mille euro al mese senza scorta e auto blu io vado a lavoro con ilprimo autobus della mattina anzi della notte e questo lo devo fare alla veneranda eta'di 65 annni quando la mattina fa -7 grazie ma cosi forse alla pensione non ci arrivo forse e' proprio questo quello che vole caro "signor " brunetta non sfoghi
la sua rabbia incoscia con la povera gente ma si faccia un bel giro la mattina alle 4 a -7 cosi si avvicina alla realta a proposito non deve fare colazione con il cornetto ma con il caffe semifreddo delle stazioni dell'autobus tanto costa poco barbone mascherato da ministro.

Anonimo ha detto...

Nulla di nuovo: la storia si ripete. Per i più curiosi basta cliccare su "Wikipedia" - Repubblica di Weimar - E' già tutto scritto. Ultima data valida (secondo le previsioni Maya) fine Dicembre 2012. Poi il problema "pensioni" non sarà poco attuale.

Anonimo ha detto...

io sono d'accordo nel criticare un governo che non piace che sia di destra o di sinistra.
ma come si fa a tifare per il PD ?
non per niente si chiamano governo ombra! Non propongono nulla e non fanno altro che litigare come se non fosse servito loro la lezione del governo pasato...a casa perché litigavano in continuazione!
insomma...un po' di serietà..e per la miniera sono d accordo se ci andassero tutti quanti anzi che fregarsi gli oggetti tra di loro in parlamento...avrebbero un'idea più chiara della fatica di arrivare non solo a fine mese ma anche a fine giornata!

giuseppe ha detto...

all'anonimo delle 15.47, vorrei dire che la giusta e sacrosanta critica al governo in carica per tutte la c...e che sta facendo, non assolve affatto il centro-sinistra per quello che ha fatto e sta facendo, ma le colpe di quest'ultimo non deve essere un alibi per berlusconi e soci. Basta con questi politici che invece di iniziare un vero risanamento delle finanze pubbliche partendo da chi sta ai vertici, loro per primi, non trovano di meglio che tartassare i soliti che hanno sempre lavorato e fatto sacrifici da quando sono nati.

zorro ha detto...

Tutti felici e contenti per la guerra ai "fannulloni" intrapresa dal piccolo nano. Lavoratori contro lavoratori. Finalmente era arrivato il piccolo nano giustiziere che avrebbe riportato la giustizia tra i lavoratori. Il perfido nanerottolo da essere insignificante è balzato agli onori delle cronache acclamato ed osannato dagli stessi lavoratori diventando il ministro più ben visto tra tutte quelle mezze seghe che compongono il governo del grande imbroglione di Arcore. Eravamo tanto contenti che non ci siamo nemmeno accorti che il nanerottolo ci stava fregando tutti con la tassa malattia, tutto fa "brodo" per le casse dello stato. Se bisognava punire gli assenteisti perchè perseguire tutti con 20.00 euro per ogni giorno di malattia? Visto il grande successo che gli è stato tributato il nostro nanetto, capito che ha a che fare con molta gente che ha portato il cervello all'ammasso, si sente autorizzato a fregarci sempre di più, ed ecco che tira fuori dal cilindro la stronzata d'innalzare l'età pensionabile per le donne e, state tranquilli, ......non finisce qui.
Votarlo è stato già un errore, applaudirlo un'altro errore. Come dice il proverbio "errare humanum est" ma perseverare è.........! diciamo diabolico. Meditate gente! Meditate!

Anonimo ha detto...

A parte le simpatie di destra e di sinistra che portano comunque a parlare più per slogan che per fatti.
Non mi sembra che l'argomento sia stato veramente dibattuto .... ma insomma è un forum o un posto dove lagnarsi !!??
Comunque , da maschietto mi verrebbe da dire : ma le pari opportunità valgono in tutti e due i sensi o sono a senso unico?
per cui, non mi sembra insensato proporre o l'abbassamento anche per gli uomini a 60 anni (tutti i maschietti sono daccordo vero?) o perchè no alzare quello delle donne. Tenete presente che quelle pensioni non le pagano i parlamentari, ma noi che continuamo a lavorare.
Da quello che mi risulta in altri paesi europei (vedi Germania)uomini e donne vanno in pensione alla stessa età.
Tutto questo senza sminuire il lavoro delle donne nè sul posto di lavoro nè in famiglia, sono il primo a riconoscerlo ed a essere grato per il lavoro che le donne fanno a scapito spesso della loro vita sociale e privata. Ma per questo penso che sarebbe più utile aiutarle nel momento più critico, per esempio con periodi più lunghi di congedo per maternità o altre esigenze familiari gravi fino anche a cinque anni, mantenendo ogni diritto sul lavoro e pensione. Se foste libere di scegliere quando usufruire di questi cinque anni siete sicure che forse il momento migliore sarebbe quello di essere più libere dopo i 60 anni, quando si spera che i figli già grandi siano sistemati e magari si avrebbe tempo anche per ottenere gratificazioni lavorative a cui avete rinunciato prima perchè troppo inpegante in famiglia?
So che non troverò simpatia e consenso tra voi ... ma c'è posto anche per qualche spunto di dibattito, per qualche voce meno arrabbiata ?
saluti a tutti

Anonimo ha detto...

Ancora non si è capito che chi si va a sedere con il culo sugli scranni del potere si dimentica di tutto e se ne frega? Che siano di destra o di sinistra appena arrivati vanno a prendere dai quindicimila ai ventiduemila euro al mese cosa volete che gli freghi degli elettori. Appena arrivati si vanno a sistemare figli, nipoti e pro-nipoti nei vari uffici e nelle varie segreterie e sottosegreterie, nei vari assessorati e così via. E poi auto blu, francobolli gratis, teatro gratis, aerei fratis, treno gratis, cinema gratis, stadio gratis, parruchiere gratis, telefonino e schede gratis, perdi un cappotto e glielo rimborsano, due anni e poco più di lagislatura e hanno già assicurata la pensione (anzi vitalizio così e più dolce). Stabiliscano per gli altri quanto tempo debbono lavorare e loro non vanno nemmeno in parlamento tranne quando si debbono aumentare lo stipendio. Si perchè per loro i soldi li trovano altro che crisi finanziaria!E' da almeno sei anni che si parla di crisi, che la gente non ce la fa ad arrivare a fine mese, ma tutti quei testoni e professoroni e accademici dell'economia e della finanza non sono riusciti a trovare la ricetta giusta per risolvere i tenti problemi che assillano il nostro paese. E sapete perchè? Perchè a loro "questi problemi" nemmeno li sfiorano. Ci sarebbe tanto altro ancora. Ma tanto a che serve? Loro sono sempre la o li e nessuno li smonta!

Anonimo ha detto...

Dovrebbero fargli fà l'isola dei politici e farli campà solo d'aria;poi vedi se c'hanno ancora voglia di spremere i poveri cittadini!!!!

Anonimo ha detto...

CALMA RAGAZZI:-) SENTITE QUESTA...IL SIG PROF BRUNETTA, QUANDO ERA A TEMPI PIENO PROFESSORE DI UNIVERSITà FACEVA UNA PRESENZA AL MESE IN FACOLTà.. TUTTO DOCUMENTATO E POI HA ANCHE LA FACCIA DI PARLARE DI FANNULLONI..AGLI ALTRI...SPERO SOLO CHE LA STORIA SI RIPETA--ANNO 1792.PIAZZA CONCORDIA (EX BASTIGLIA).FRANCIA.///.ANNO.2009/10 PIAZZA DEL POPOLO.. ROMA ITALIA.... IN ENTRAMBE LE PIAZZE VEDO UN CERTO ATTREZZO CON NA LAMA....

Anonimo ha detto...

guarda che la ghigliottina a roma piazza del popolo c'è già stata ai tempi papalini.. quando andava di moda il volemose bene..se piglia piede oggi..col volemose bene che c'è.. me sa che il tevere diventa rosso......

Anonimo ha detto...

No egregi ospiti. NON VA BENE. Siamo quì a raccontarcela tra di noi, ciascuno con il suo punto di vista e la sua particolare sensibilità per un tema o per una particolare nefandezza di questo esecutivo. Io direi di impegnarci a far ragionare gli altri, non quelli che il cervello lo hanno portato all'ammasso per una semplice ragione:non l'hanno mai avuto, per cui sarebbe una perdita di tempo. Piuttosto, secondo me, è importante far capire a quelli che, in un momento di straordinaria infatuazione, si sono lasciati abbindolare dai "venditori di fumo" sapientemente orchestrati dalla coppia di illusi/-onisti ONI&ONTI.
Avanti amici! Fuori dal nostro steccato! Invadiamo il territorio altrui. La nostra forza sono le nostre ideee. No alla prevaricazione! Premiare i più bravi e meritevoli senza dimenticare chi è meno capace o meno fortunato.

Anonimo ha detto...

Quella di Brunetta è una proposta. E quelli che scrivono qui cosa fanno? La discutono? Propongono alternative? Noooo.....solo insulti personali (tranne una persona). Bisognerebbe discutere se con opportuni servizi sociali le donne preferirebbero fare le badanti in famiglia o andare a lavorare. E invece? Abbasso Berlusconi!!! Ecco perchè la sinistre perdono le elezioni...

Anonimo ha detto...

Chissà perchè, in Italia, ci dichiariamo tutti antifascisti ma nessuno si dichiara anticomunista...incredibile, c'è qualcuno che parla adirittura di ghigliottina...e nessuno ricorda più le baby pensioni: allora andava tutto bene, vero?
La verità è che ormai sinistra e destra sono uguali...

Anonimo ha detto...

lavorare bisogna lavorare non parlare

Anonimo ha detto...

E allora (ultimo anonimo) LAVORA! e non stare a giocare in internet!

Anonimo ha detto...

Anonimo,ma quante cazzate che dici!!! Te la dico io una profezia,tu sei di una razza in via di estinzione,prenditela con i cinesi.....

Anonimo ha detto...

IO NON LI HO VOTATI... DEVO TENERMELI LO STESSO...DICK

Anonimo ha detto...

Padoa Schioppa ci ha dato dei BAMBOCCIONI , dobbiamo darci da fare (senza lavoro ) : per chi il lavoro lo ha , Brunetta ci da dei fanulloni .

Ma chi dobbiamo votare ??????

Anonimo ha detto...

Quello che piùmi spaventa di questo blog è "PER NON DIMENTICARE" dove, chi l'ha scritto, sembra aver dimenticato che "L'Italia delle libertà l'hanno costruita i paritgiani" INCLUSI QUELLI CHE, FINITA LA GUERRA UFFICIALE, HANNO CONTINUATO CON LA LORO GUERRA PERSONALE AMMAZZANDO A MASSACRANDO SECONDO UN DISEGNO CHE A DEFINIRE CRIMINALE SI OFFENDE IL CRIMINE.

Anonimo ha detto...

mi fate ridere

Anonimo ha detto...

Non dobbiamo più votare nessuno finchè non abbiamo gente giovane (non riciclata - Berlusconi, Dalema, Prodi; Prodi, D'alema, Berlusconi) sono sempre gli stessi....
Questo paese ha bisogno di rinnovarsi altrimenti andremo in pensione a 75 anni tra qualche anno...!!!

Anonimo ha detto...

é GIUSTISSIMO la donna é pari all'uomo quindi pensione a 65° anno!!! Anche io mi alzo alle 4:30 per andare al lavoro!

Anonimo ha detto...

brunetta può dare il buon esempio:nessuna pensione ai parlamentari prima dei 65 anni o 40anni di lavoro vero.riduzione del numero e degli stipendi dei parlamentari.rimane sempre il grande problema evasione fiscale.troppi buchi nelle legggi fiscali.

Anonimo ha detto...

Caro Anonimo delle 18:07, il sig. brunetta non fa proposte ma proclami populisti, quindi non generano proposte alternative ma, nel migliore dei casi sconcerto. Si sta passando dal plauso di panza al sig brunetta dell'Italia beona, ad un risveglio sempre più amaro in una Italia dove i fannulloni sono sempre più potenti e strapagati, il libello della pensione alle donne a 65 anni invocando la parità è una profonda meschinità. Le donne già sono penalizzate in famiglia, al lavoro, nella società, mentre il sig. brunetta è impegnato in rimedi per i lavoratori peggiori del male. Caro Anonimo delle ore 18:07, medita medita. Romolo

Anonimo ha detto...

Obama sceglie dei premi Nobel per il suo governo e Berluska ha scelto questo tal brunetta che pare essere un socialista che sfrutta il danaro pubblico da 25 anni utilizzando una scorta per proteggersi (da cosa non si sa) ... chi lo conosceva prima di ieri a questo signore? Dicono sia un fannullone e dipendente statale che pare abbia accumulato assenze su assenze nelle pubblica amministrazione. Sembra che percepisca stipendi da professore universitario, stipendio da ministro e da parlamentare, ma in parlamento pare che non ci va ( ... alla faccia dei fannulloni). Un consiglio brunetta ... se queste cose sono vere vergognati un poco e smettila di fare il moralista proprio tu ...

Anonimo ha detto...

Non riesco a comprendere la follia di questi personaggi che ci comandano, non hanno memoria nel ricordare che qualche tempo addiettro qualcuno che non ne poteva più usava le maniere forti?
tira,tira la corda prima o poi si spezza, meditate gente meditate.

Anonimo ha detto...

certo è facile parlare di 65 anni per la pensione delle donne: ma avete pensato che le donne non fanno un solo lavoro ma almeno due , nelle loro vita? Lavorano fuori casa , ma nel contempo devono mandare avanti la casa: pulire,cucinare, far da mengiare, stirare, accudire i figli e le persone anziane, fare la spesa e gestire il menage familiare. E questo lavoro non è nemmeno retribuito!!!!! Quante ore di lavoro gravano sulle donne? Ci pensi Ministro Brunetta, anzichè sparare a zero sulla pelle di noi donne: la pensione , inferiore a quella degli uomini, ce la guadagniamo assai prima, sommando tutte le ore che noi lavoriamo.
Meditate gente, meditate

Anonimo ha detto...

Si propone di aumentare l'età pensionabile perchè i vecchi sono gli unici che possono assicurare un tozzo di pane alle famiglie. Di lavoro per i giovani non se ne parla, si tutelano solo gli interessi degli imprenditori, che sono liberi di sfruttare la cassa integrazione appena i loro guadagni scendono di poco. Si continuano ad ingrassare le solite persone che con le privatizzazioni continuano a sfruttare nel comparto pubblico quello che è rimasto. Grazie alla televisione si cattura l'interesse della gente con il film di Amanda Nocs, dei fannulloni ecc. E loro continuano a fare quello che vogliono.
Destra e sinistra purtroppo.

Anonimo ha detto...

Sono figla, moglie e madre, per mia disgrazia il papà è già deceduto, la mamma è ammalata di tumore osseo, la suocera di retinopatia maligna ed il suocero un infinità di malattie (lo amputano un pezzettino alla volta), le due figlie studiano e io lavoro, come già scritto sopta da quasi tutti si devono fare due/tre lavori essendo donne, ma questo mi potrebbe anche stare bene in quanto le altre persone non devono essere responsabili per i miei problemi, potrei anche andare in pensione a 65 anni (sarebbe giusto nei confronti di mio marito), ma allora cavolo datemi un istruzione ed un assistenza che funzioni, ed anche lo stipendio che sia uguale a quello di mio marito............

Anonimo ha detto...

scusate ma... leggete ciò che avete scritto... io quello che mi chiedo è... cosa state aspettando per ribellarvi seriamente? appisolati... avete benzina da vendere ma mai l'accendino...

Anonimo ha detto...

Ma non è che sto argomento vi da fastidio, perchè in realtà non vi va molto di lavorare, e preferireste continuare a fare gli statalotti, quelli che ti rispondono male allo sportello, che ti fanno girare ore solo perchè loro sono troppo indaffarati a fare pause caffè ogni cinque minuti, e soprattutto a farsi i cazzi loro a spese nostre.
E poi parlate delle scorte che costano, ma siete mai andati ad uno sportello comunale? oppure all'inps, od alla motorizzazione, ma vi pare che in questi posti ci sia gente che fa bene e diligentemente il proprio lavoro?
per non parlare delle poste poi. 800 postazioni e solo due sportelli aperti, perchè tutte quelle vacche stanno li a ciarlare facendo finta di fare chissà quale cosa importate.
E poi invece di stare qui a fare chiacchere sui blog andate a lavorare voi per primi...
Ipocritelli di sinistra..

W brunetta!

Paola ha detto...

Ok, visto che siamo uguali noialtre andiamo in pensione a 65 anni...
Però il primo che sento chiedere di stirargli la camicia gli dò un mascone che gira per tre giorni...

Le pari opportunità, cari signori maschi, cominciate ad applicarle a casa vostra con le vostre madri e le vostre mogli.

Poi quando sarà tutto PARI pareggeremo anche il mondo del lavoro.

Anonimo ha detto...

STANNO MATURANDO I TEMPI PER UNA RIVOLUZIONE .IO SONO PRONTO!!!!!!!!!

Emidio ha detto...

Diciamoci la verità avete votato Berlusconi perchè in fondo, in fondo vi sentite un pò ladri anche voi ... o perchè sperate che in futuro potete metterlo in quel posto al prossimo anche voi ...
Nel 1947 dovevamo finirvi, altro che pace sociale ...

Anonimo ha detto...

Non si riesce a capirci!
Nella giustizia è emergenza per gli avvocati del sig. Berluscone. Capisco, per loro è pane per oggi e domani. Ma per le donne a 65-anni in pensione?Ma questo da dove esce? Ha consultato il movimento femminista? Sono le sue idee? . Ma parlare di legge.., deve prima confrontarsi. Ha trovato d'accordo la Bonino? Ma sempre a titolo personale. Ho sempre pensato, e forse a torto, che per le donne andare in pensione a 65 anni fosse un diritto maturato per la maternità e per il fatto che la donna che lavora fuori casa continua a lavorare dentro casa e quando va in pensione a 60-anni continua a lavorare a casa. Che si voglia togliere questa schiavitù riservata alla donna? Non mi pare, se la si obbliga a lavorare da schiava anche dopo 60 anni. E' inutile affermare che l'economia italiana è sempre cresciuta per il grande senso di responsabilità della donna italiana che si è sacrificata per migliorare il benessere di tutti gli italiani.

Anonimo ha detto...

Io non li ho votati e me li devo tenere lo stesso!!!!!!!!!!!!!!!!
Patetico tentativo il tirare in ballo la discriminazione della donna nel lavoro per avere la scusa di dire che devono andare in pensione a 65 anni come gli uomini. Ma lo sanno questi COGLIONI quanto lavora una donna nella sua vita? Una volta in pensione poi per loro non è mai finita, la casa, cucinare, i nipoti ecc.. ecc... Vaffanculo a Brunetta, a Berlusconi e a tutti sti cialtroni, ladri e farabutti.

Anonimo ha detto...

Mitica Paola del 15/12 ore14.05 , se ti conoscessi ti abbraccerei. Ma ti mando un bacione da lontano

Paola ha detto...

sì, appunto, come se la discriminazione tra i due sessi in ambito lavorativo si risolvesse innalzando l'età pensionabile...

...quando nelle aziende le segretariE son tutte donne e i capI son tutti maschi...

(grazie per il bacione da lontano :P)

Anonimo ha detto...

E hanno stravinto anche in Abruzzo.
Io non capisco......
Scusate ma mi cascano le palle.

marcella ha detto...

Li avete votati ! Adesso teneteveli!

da mettere in cubitale su un cartello sopra il letto e ripetere come mantra almeno 3 volte al giorno!


qualcuno ha scritto( ma mettetecelo un nome anche fasullo, mannaggia!):
"E hanno stravinto anche in Abruzzo.
Io non capisco......
Scusate ma mi cascano le palle"

Più che aver vinto loro, siamo "noi" che non siamo andati a votare... se facciamo un calcolo dei loro voti, non è che poi abbiano vinto granchè!